ASCOLTO-www.pr3.it-www.corsodivendita.com-oliviero-castellaniSi dice che passiamo circa il 40% del nostro tempo ad ascoltare le altre persone ma, spesso, lo facciamo in maniera così inefficace che il risultato si traduce in istruzioni che vengono equivocate, progetti che prendono direzioni sbagliate ed azioni non appropriate, ossia tutta una serie di errori costosi, solo perché, a quanto pare, non sappiamo ascoltare.

Migliorare le capacità di ascolto porta le persone ad avere una mentalità molto più aperta, quindi incrementa l’innovazione e migliora il servizio offerto ai clienti, riducendo lo stress, evitando i conflitti e perfezionando l’abilità nel gestire i rapporti interpersonali.

Ecco alcune cose che possiamo fare per potenziare le nostre abilità d’ascolto:

1. Aree di interesse: cerchiamo qualcosa da utilizzare

Se abbiamo un atteggiamento positivo verso un determinato argomento, sicuramente troveremo qualcosa che possa accrescere la nostra conoscenza in qualsiasi conversazione che ci capiti di intrattenere. Per quanto arida una discussione possa risultare, essa conterrà quasi sicuramente almeno un concetto che potrà esserci utile.. Selezionare dalle conversazioni elementi che abbiano un certo valore personale fa parte di una efficace attività di ascolto. Di ciò che è stato detto, cosa posso utilizzare? Che cosa mi è utile? In che modo si collega con ciò che già conosco? Che cosa potrei farne?

2. Prendiamo l’iniziativa

Scoprire che cosa sa il nostro interlocutore e concentrandoci su ciò che ci dice. Facciamo di tutto perché la comunicazione avvenga in modo bidirezionale, ignorando il modo di esprimersi e la personalità di chi ci parla se queste cose in qualche modo ci distraggono. Afferriamo l’idea che ci viene comunicata, stimolando l’interlocutore con la nostra attenzione e con espressioni di interesse.

3. Esercitiamoci ad ascoltare

L’ascolto efficace è un’attività che richiede energia, ma più ci esercitiamo e più ci risulterà semplice. Se siamo in grado di conoscere in anticipo l’argomento di una conversazione prepariamoci con delle letture, discutendone o semplicemente con qualche breve riflessione, e definendo il nostro punto di vista; ascoltiamoci attivamente usando tutte le nostre energie.

4. Concentriamo la nostra attenzione sui concetti

Ascoltiamo i concetti basilari del nostro interlocutore. Appropriamocene così come ci vengono presentati, distinguendo i fatti concreti dai principi generali, le idee dagli esempi, e le evidenze dalle opinioni.

5. Prendiamo appunti.

Possiamo migliorare la nostra capacità di apprendimento e di memorizzazione compilando un breve resoconto dei punti essenziali toccati dal nostro interlocutore. In seguito potremo rivederli e ragionarci su, pensando se, e come, possono esserci utili, oltre a discernere tra ciò che condividiamo o meno. Gli appunti devono essere brevi, facili da interpretare e da rivedere. Esercitiamoci a riassumere a grandi linee il contenuto dei diversi tipi di conversazioni che ci troviamo a sostenere; impariamo a riconoscere le parole, le frasi o i concetti-chiave. Manteniamo una certa flessibilità: non tutte le persone parlano seguendo una traccia precisa.

Saper ascoltare si fonda sugli stessi principi del sapersi mostrare, con l’unica differenza che la vera capacità sta nel rendere l’altro protagonista; chi legge questi cinque punti sarà portato a sorriderne, pensando ad un semplice e retorico ABC della comunicazione.

In effetti sarebbe così se non fosse che, per esperienza personale, non essendo per natura un ascoltatore, ho imparato che l’ascoltare efficacemente mi ha sempre evitato un sacco di problemi e di brutte figure.

Ecco perché nei momenti cruciali mi impongo di ascoltare, sospendendo il giudizio, prendendo appunti, separando per iscritto i fatti dalle considerazioni, e cercando di capire, soprattutto, cosa sta cercando di dirmi veramente il mio interlocutore, approfondendone i silenzi e le omissioni.

Alla prossima settimana con la seconda parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.