Molte persone desiderano il successo nella stessa misura in cui hanno bisogno di respirare.

Il successo può essere definito come il coraggio di esprimere i sogni potenti e le potenzialità presenti in noi, semplicemente facendo in modo che emergano.

A volte la spinta che proviamo verso il conseguimento di qualcosa di più viene soffocata dall’educazione o dalla cultura, tanto che ci sentiamo obbligati a ridurre il livello delle nostre aspettative e ad accontentarci di un’esistenza meno straordinaria.

Solo noi siamo in grado di capire se abbiamo raggiunto gli obiettivi che c’eravamo posti nella vita.

Ci sono persone che passano l’esistenza arrampicandosi su una scala (Joseph Campbell) per poi scoprire di averla appoggiata al muro sbagliato.

È per questo motivo che si utilizza il termine “autentico”: fare o diventare qualcosa che esprima appieno le nostre capacità e la nostra personalità nel modo più nobile possibile.

Ottenere realmente un risultato non ha nulla a che vedere con il fatto di vincere per il gusto di vincere. “vincere significa superare gli ostacoli per raggiungere uno scopo, ma il valore della vittoria è pari solo al valore dell’obiettivo raggiunto” (Timothy Gallwey).

Ma che cos’è che fa di un individuo una persona di successo, cosa lo motiva e cosa lo distingue?

Sicuramente l’ottimismo: l’ottimismo è il potere di concentrarsi sul lato positivo delle cose, soprattutto nei momenti più difficili, al fine di affrontare la dura realtà; quando ci si aspetta poco, non si è nemmeno motivati a provarci . . . l’ottimismo indice a lavorare con maggiori impegni.

Il successo richiede uno sforzo concentrato, ecco perché un obiettivo o uno scopo preciso sono parimenti necessari, per non disperdere le proprie energie in troppe cose, e diventare “esperti” in quel che si fa.

Non possono mancare la disponibilità ad accollarsi un lavoro molto impegnativo, che aiuta ad acquisire una piena conoscenza di se stessi, la disciplina nel doverci impartire ordini e a questi attenersi al fine di usare con efficacia il tempo a disposizione.

Per avere successo occorre assumersi dei rischi, maggiore è il rischio, maggiore è il successo potenziale insito: nulla di tentato, nulla di guadagnato.

Gli individui evoluti riescono a volgere qualsiasi situazione a loro vantaggio, essi sono “padroni della loro anima e capitani del loro destino”; per dirla come Catherine Ponder “non occorre fare dei compromessi nella vita, se si è disposti a prendere le distanze dall’idea stessa del compromesso”.

Ciò che occorre è uno sviluppo completo.

Che si parli di motivazione o potenziale, prosperità o leadership, dobbiamo accettare che conseguire un risultato ha scarsa rilevanza, se non abbiamo successo come persona.

Le capacità di amare, ascoltare e imparare sono vitali per il nostro benessere, e senza di esse è difficile avere rapporti appaganti che ci aiutino a rinnovarci e a trovare nuova energia per raggiungere dei risultati.

Coloro che riescono a imboccare questa strada la considerano né più né meno di un normale cammino della vita: hanno l’impressione di essere a casa propria, come se fosse la cosa più normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.