Quando ci troviamo di fronte ad un problema da risolvere, abbiamo tendenzialmente due alternative: affrontarlo frontalmente per rimuovere l’ostacolo diretto, oppure affrontarlo in modo “trasversale” .. o come si usa dire, “aggirando l’ostacolo”.
Facile da dire, un po’ più difficile da fare!
Siamo abituati da sempre ad utilizzare la soluzione diretta: se c’è, è forse la via più breve, ma non sempre c’è o è immediata e questo ci mette nei pasticci.
Aggirare l’ostacolo non significa rimandare o evitare il problema.
Significa compiere un’azione che apparentemente non ha nulla a che vedere con la soluzione del problema, ma che ha come risultato quello di spostare o annullare il problema stesso.
Da cui la soluzione viene da sè.
Per individuare soluzioni trasversali attraverso il pensiero laterale, occorre anzitutto allargare la prospettiva: guardare a fianco appunto.
In questo modo si può vedere il problema da un’angolatura diversa e si aumentano le possibilità di azione.
“Il pensiero laterale procede da una serie di fatti, non da supposizioni.
Il pensiero laterale di fatto non fa presupposti, anzi i presupposti iniziali limitano le possibilità di soluzione.
Edward De Bono identificò  quattro fattori critici associati al pensiero laterale:
riconoscere le idee dominanti che polarizzano la percezione di un problema;
cercare maniere differenti di guardare le cose;
allentare il controllo rigido del pensiero lineare;
usare ogni chance per incoraggiare altre idee:
L’esempio classico di una persona che usa il pensiero laterale è il personaggio di Sherlock Holmes, il detective nato dalla fantasia di Sir Arthur Conan Doyle.
La sua straordinaria capacità di trovare la soluzione a problemi altrimenti insolubili era dovuta alla sua abilità nell’osservare i fatti di una situazione, senza fare presupposti iniziali.
Usando il pensiero laterale, egli spezzettava gli elementi di un problema o di una situazione e li riordinava in un modello apparentemente casuale, per arrivare a una visione diversa della situazione e quindi a una possibile soluzione.
Il pensiero laterale perciò può definirsi come puro ragionamento deduttivo.
Il Dottor Watson invece agiva procedendo lungo le linee del pensiero cristallizzato basato su preconcetti…
Il pensiero laterale è creativo e dinamico ed incorpora le proprietà del pensiero associativo, quindi la capacità di raccogliere e riallineare significati, così come il pensiero lineare comporta l’abilità di procedere lungo una linea di pensiero fino a una conclusione.
Un altro esempio riguarda un fatto realmente accaduto alla Gerber, la famosa multinazionale che produce cibi per bambini.
Negli anni 60 la Gerber lanciò un nuovo prodotto rivolto al mercato di un paese africano in cui le madri avevano estremo bisogno di cibo per bambini…era stato studiato nei minimi dettagli affinché la sua convenienza e qualità ne garantissero l’immediato successo, ma… le vendite non riuscivano a decollare.
I dirigenti e il management, usando dei processi di pensiero lineare, ritennero che il prodotto non fosse stato promosso abbastanza e stabilirono di intraprendere ulteriori campagne pubblicitarie… non riuscirono comunque a venirne a capo.
Erano sul punto di abbandonare il progetto.
Ed ecco la soluzione trasversale: cambiare le etichette! … la questione si risolse infatti prendendo atto che nella cultura della popolazione locale, prevalentemente analfabeta, i prodotti alimentari venivano presentati con etichette raffiguranti il loro contenuto.
Dal momento che la Gerber esponeva le sue pappette mostrando un bambino sorridente… non avrebbe mai potuto convincere nessuno a nutrire i propri figli con carne di bambino!
Disegnando sulle etichette mucche, vitelli, pollo ecc.. le pappette andarono a ruba !
Muhammad Yunus il banchiere dei poveri (ideatore e realizzatore del microcredito, ovvero di un sistema di piccoli prestiti destinati ad imprenditori troppo poveri per ottenere credito dai circuiti bancari tradizionali. Per i suoi sforzi in questo campo ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2006) e Miloud Oukili il clown dei ragazzi di Bucarest (creatore de la Fundatia PARADA, una fondazione dedicata al recupero dei bambini e dei ragazzi che vivono nei sotterranei della città) si rifanno quotidianamente alle tecniche del pensiero laterale.
Il primo aveva un problema non banale: far smettere la guerriglia in una regione del Bangladesh, il suo amato paese.
Prima di lui molti tentarono con accordi o boicottaggi.
Yunus ci riusci così: arruolo i guerriglieri, per lo più ragazzi giovani e bisognosi di motivazioni, nella sua banca.
Offriva a semplicemente a loro l’opportunità di un lavoro stabile e con contenuti sociali !!
La guerriglia terminò gradualmente per mancanza di “personale”
Miloud, invece, ha il merito di aver reintrodotto alla vita sociale numerosi bambini di strada che popolano la capitale rumena, non inducendoli ad entrare negli orfanotrofi o riportandoli nelle loro famiglie violente, ma trasmettendo loro la sua arte e i trucchi del suo mestiere di clown.
Da teppisti di strada in artisti di strada.
Le tecniche del pensiero laterale aiutano le persone ad arrivare a un nuovo livello di pensiero creativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.