0-LEADERSHIP-PROMESSE-PROMISE-pr3.it-corsodivendita.com-vendita-sales-formazione-training-marketing-leadership-management-oliviero-castellaniIntuizione è la capacità di gettare utilissime occhiate nell’animo altrui, e per fare questo non bisogna essere frettolosi nel trarre conclusioni.
Parlare meno, osservare e ascoltare, tenere occhi e orecchie ben aperti … e la bocca chiusa!
L’intuito è la nostra capacità di “percepire oltre il presente”; una tale conoscenza è di valore inestimabile.

11 Responses to Percepire oltre il presente

  1. Marco Faccin scrive:

    PERCEPIRE OLTRE IL PRESENTE
    L’INTUITO
    La Risposta di un Coach a me voler essere il suo coachee:

    Avevo maturato una decisione nel we e stamattina mi apprestavo a comunicartela quando ho trovato le tue email.

    Alla tua domanda “sarei pronto per far il coachee? ” avrei risposto che sei senza ombra di dubbio un coachee eccezionale, e

    nello stesso tempo avrei aggiunto che viceversa io non sarei potut beep essere un coach altrettanto eccezionale per te.

    Quindi non ci sarebbe stata nessuna proposta. Un intuito mi ha portato a prendere questa decisione (mi fido del mio intuito più di ogni altra cosa).

    Ti avrei anche chiesto di non fare domande poiché non avevo risposte : l’intuito va preso cosi come è, non si spiega, e quindi io le risposte non ce le avevo.

    Le risposte invece le hai date tu, nella tua lunga email che ha preceduto la mia…………

    Diceva TOTO’
    Dove l’ignoranza URLA ……
    L ‘intelligenza TACE…..
    E’ una Questione di STILE
    SIGNORI si nasce
    STRONZI pure

  2. Pier Z. Saffirio scrive:

    la percezione delle situazioni ha grande importanza purche sia letta con razionalità e non come un arte divinatoria.. Ci sono persone che hanno una grande capacità di percezione, mente molti hanno una grande capacità di intuizione. Sono die realtà simili ma diverse

  3. Pier Z. Saffirio scrive:

    Possiamo definire l’intrinseca concettualità della percezione e quelle
    che vedono, invece, nell’intuizione, cioè nella a-concettualità, una possibile forma di
    conoscenza, considerandola, inoltre, più nobile e attendibile di quella discorsiva.

  4. Pier Z. Saffirio scrive:

    Percepire oltre l’intelletto, secondo san Gregorio: “esamina sia nel loro insieme che separatamente le qualità che appaiono nel corpo; con il suo ragionamento le separa le une dalle altre e considera quindi il loro concorso e la loro unione nell’unità del soggetto”. Non è proprio cosa da poco e chi ne possiede i doni, li tenga ben stretti e ne faccia buon uso.

  5. Flavio Colombo scrive:

    Concordo pienamente con Oliviero, ……sondare l’ animo altrui, capire le attese, le aspettative, i valori, …..i comportamenti , ma come fare ? forse l’ allenamento e una grande vera sensibilità ci possono aiutare ?

  6. Adriano Pettenon scrive:

    SI, concordo con quanto detto da Oliviero e da Flavio.
    Ascoltare ed ascoltare, e gestire con cura il silenzio.
    Non mi riferisco solo al silenzio nel significato di non parlare per lasciare esprimere l’altro, ma a saper mantenere il proprio silenzio interiore, non fare emergere pensieri e non dare spazio a nostre voci interne pronte a esprimere giudizi, a interpretare, inquadrare, inserire in schemi precostituiti la realtà dell’altro, ma stare in silenzio e lasciarla emergere liberamente come essa si presenta, e a quel punto coglierla senza filtri, nella sua vera identità e unicità. L’intuito “non comandato” è saper cogliere quel momento e percepire quella identità d’animo.

  7. Pier Z. Saffirio scrive:

    Personalmente propendo e preferisco chi utilizza questa percezione , che può sembrare strana, piuttosto che non coloro che, si basano solo sull’istinto, confondendo spesso le emozioni come amore, la messa in discussione come una sconfitta, complicando tutti i rapporti

  8. Alessandro Cecchi scrive:

    Possiamo sviluppare la capacità di farlo? Se sì, come?

  9. Davida Camorani scrive:

    “L’intuito è la nostra capacità di “percepire oltre il presente”; una tale conoscenza è di valore inestimabile”

    Stupenda questa frase…anche se a mio avviso, più che conoscenza, l’intuito è una dote innata:):)

  10. Alessandro Cecchi scrive:

    Giocare coi bambini, con gli animali e fare volontariato a vostro avviso serve a qualcosa?

  11. Davida Camorani scrive:

    @ Alessandro…sono passioni che fanno comprendere meglio il bene dal male:)
    Non si è ricchi abbastanza se non ti avvicini a questi mondi:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.